Metallo o olivo? Scopri calici, pissidi e patene Holyart

Metallo o olivo? Scopri calici, pissidi e patene Holyart

Calici, pissidi e patene. In poche parole: arredi sacri.

Da sempre elementi fondamentali della Liturgia, hanno conosciuto nei secoli un’evoluzione che non ha tuttavia mai mutato in modo sostanziale la loro concezione primaria: contenere in modo degno il corpo e il sangue di Cristo.

Esistono regole specifiche che definiscono l’utilizzo degli arredi sacri. Soprattutto, esistono regole che sanciscono di quale materiale essi debbano essere fatti. Sembra un discorso banale, a prima vista. Dopotutto non ci è dato sapere di cosa fosse fatta la coppa con cui Gesù offrì il proprio sangue durante l’ultima cena. Presumibilmente si trattava di una semplice boccale di legno o di terracotta, ma, fin dalle prime cerimonie amministrate dai sacerdoti cristiani, alle origini stesse della liturgia, e perfino durante le terribili persecuzioni che per secoli costrinsero i cristiani a nascondersi, venne stabilito che i vasi destinati a contenere le Specie liturgiche dovevo essere realizzati in materiali preziosi.

La ragione di questa scelta non avrebbe bisogno di essere espressa: vista l’importanza del contenuto, il suo valore inestimabile e sacro, è naturale che il recipiente debba essere all’altezza. Qualsiasi cristiano considererebbe svilente porre il corpo e il sangue di Nostro Signore in un vaso indegno. Fin da quando il culto era segreto, consumato in sotterranei e catacombe, per sfuggire alle persecuzioni, è attestato che venissero usati vasi preziosi, ben al di sopra delle possibilità dei fedeli che si raccoglievano intorno ad essi. Ma solo il meglio era considerato degno di Gesù.

Tuttavia per molto tempo c’è stata una certa confusione su quali materiali fosse lecito o illecito utilizzare. Questo argomento è stato al centro di dibattiti e controversie, ai quali ha tentato di mettere la parola fine nel 2005 la Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti mediante l’istruzione “Redemptionis sacramentum”. Di che si tratta? Di un documento ufficiale che definisce cosa si deve necessariamente fare e cosa bisogna evitare in merito alla Santissima Eucaristia. Nel capitolo V relativo a “Altri aspetti riguardanti l’Eucaristia”, oltre al luogo consono per la celebrazione della santa Messa (paragrafi 108-109), alle circostanze varie relative alla santa Messa (paragrafi 110-116), alle vesti liturgiche (paragrafi 121-128), l’istruzione si sofferma sui vasi sacri (paragrafi 117-120). Di questi ultimi viene scritto che devono essere benedetti dal Sacerdote secondo i riti prescritti nei libri liturgici prima di essere usati, e che il Sacerdote, dopo la distribuzione della Comunione, deve tornare all’altare e compiere la purificazione della patena o della pisside al di sopra del calice, che andrà poi asciugato con il purificatoio. Questa operazione può esser compiuta anche dopo che l’assemblea dei fedeli ha lasciato la chiesa.

Al paragrafo 117 il “Redemptionis sacramentum” si sofferma sui materiali con cui devono essere realizzati gli arredi sacri. Ecco quali sono le parole esatte:

[117.] I vasi sacri destinati ad accogliere il Corpo e il Sangue del Signore, siano rigorosamente foggiati a norma di tradizione e dei libri liturgici. È data facoltà alle Conferenze dei Vescovi di stabilire, con la conferma della Santa Sede, se sia opportuno che i vasi sacri siano fabbricati anche con altri materiali solidi. Tuttavia, si richiede strettamente che tali materiali siano davvero nobili secondo il comune giudizio di ciascuna regione, di modo che con il loro uso si renda onore al Signore e si eviti completamente il rischio di sminuire agli occhi dei fedeli la dottrina della presenza reale di Cristo nelle specie eucaristiche. È pertanto riprovevole qualunque uso, per il quale ci si serva nella celebrazione della Messa di vasi comuni o piuttosto scadenti quanto alla qualità o privi di qualsiasi valore artistico, ovvero di semplici cestini o altri vasi in vetro, argilla, creta o altro materiale facilmente frangibile. Ciò vale anche per i metalli e altri materiali facili ad alterarsi.

Queste indicazioni specifiche proibiscono dunque l’utilizzo di vasi sacri in vetro o ceramica, materiali che possono essere anche molto belli e ben lavorati, ma che risultano troppo fragili per contenere qualcosa di così prezioso. Viene incoraggiato invece l’utilizzo di materiali ‘nobili’, dunque metalli preziosi.

L’ Ordinamento Generale del Messale Romano specifica ulteriormente nel capitolo III che i vasi sacri devono essere costruiti se possibile con metallo nobile o, se il metallo è meno nobile dell’oro o ossidabile, devono essere dorati almeno all’interno (paragrafo 328)

In alcuni casi possono anche essere utilizzati, a giudizio della Conferenza Episcopale, vasi sacri costituiti da altre materie solide e nobili, come l’ebano o altri legni più duri, purché non si spezzino o si rovinino facilmente (paragrafo 329) e, se destinati a contenere il sangue di Cristo, che non assorbano i liquidi (paragrafo 330).

Calici, Pissidi e Patene in materiali pregiati

Il catalogo Holyart offre un vasto assortimento di arredi sacri adatti a ogni cerimonia e occasione, con fasce di prezzo differenti. Nel nostro store on-line troverete calici, pissidi e patene in metallo, di diverse forme e dimensioni per la celebrazione liturgica. Sono presenti anche in metallo argentato o dorato più eleganti e preziosi, adornati con la tecnica artistica della filigrana. Ma c’è anche un’ampia scelta di calici, pissidi e patene in acciaio, argento, bronzo e ottone.

Si va dai modelli più tradizionali di Molina, azienda spagnola specializzata, ai calici moderni e minimal, dal design contemporaneo di Forma Fluens. I prodotti realizzati dall’azienda spagnola Molina che vanta una decennale esperienza nella produzione di oggetti liturgici di qualità, sono realizzati in modo interamente artigianale, con apparecchi professionali, rifiniti a mano da personale altamente specializzato. Per i calici, pissidi e patene in metallo, su Holyart sono disponibili anche diversi accessori, come il bauletto porta calice e porta pisside, il coperchio girevole in plexiglass per pissidi e il sacchetto porta calice rosso.

Per quanto riguarda i calici, come abbiamo già scritto potete trovarne di ogni tipo, classico e moderno. Per esempio calici in ottone dorato con medaglioni argentati, ad esempio uno che merita l’attenzione è il calice con medaglioni riportanti Gesù, San Giuseppe e Maria. Si tratta di un modello dalle linee barocche, che rimanda a un concetto classico di calice eucaristico. (guardalo nel video).

Di tutt’altro impatto il calice da messa modello Ventus, realizzato in metallo dorato con corpo centrale battuto a mano e testurizzato. Le linee sono morbide ed eleganti, il design, studiato da un team di architetti e progettisti, è contemporaneo post-conciliare, adatto per una rilettura degli arredi da chiesa in chiave moderna. Sempre per una declinazione più moderna del calice eucaristico Holyart propone il calice modello Goccia della linea “Forma Fluens”. Gli articoli Forma Fluens si presentano con un design contemporaneo post-conciliare, pensata per una dimensione innovativa degli arredi da chiesa. Il design è originalissimo, con un motivo di gocce dorate in rilievo intorno al bordo del calice. (guardali nella gallery)
calice da messa
Calice mod. Goccia della linea "Forma Fluens". Forma Fluens è una linea di articoli liturgici dal design contemporaneo post-conciliare, pensata per entrare a far parte del complesso degli arredi da chiesa in una chiave moderna. Tutti i modelli derivano da uno studio realizzato da architetti e progettisti alla costante ricerca di una nobile semplicità e sontuosità al tempo stesso.
Acquista su Holyart
calice modello ventus metallo dorato
Particolare calice da messa realizzato in metallo dorato con corpo centrale battuto a mano e testurizzato, regalando una linea di profilo morbida ed elegante. Adatto da abbinare alla patena modello Ventus. Calice da messa dal design contemporaneo post-conciliare, pensato per entrare a far parte del complesso degli arredi da chiesa in una chiave moderna. Deriva da uno studio realizzato da architetti e progettisti alla costante ricerca di una nobile semplicità e sontuosità al tempo stesso.
Acquista su Holyart
pisside in metallo
Pisside dorata con nodo rigato. Pisside classica realizzata in ottone dorato liscio con nodo argentato. La pisside è molto capiente: contiene circa 500 ostie.
Acquista su Holyart

Anche la pisside, l’oggetto liturgico utilizzato per conservare le ostie consacrate dopo la Celebrazione eucaristica, viene declinata nel catalogo Holyart in molti modi diversi, dalle linee classiche e tradizionali della pisside dorata con nodo rigato, realizzata in ottone dorato liscio con nodo argentato, alla pisside in metallo modello Ciborium, rigorosamente studiata nelle forme e nelle proporzioni, con una doppia finitura: lucida sulla coppa e satinata sulla base, e che presenta anche un pomello in argento massiccio e il disco in titanio.

O ancora la sontuosa pisside Molina St. Remy con coppa in argento 925 fatta a mano, nello stile del calice del XII secolo conservato nella cattedrale di Reims (Francia). La coppa esterna e la base sono cesellate a mano e presentano disegni di archi. Trentadue pietre naturali incastonate (ametiste, lapislazzuli, venturine e granate) ornano la pisside, che inoltre è decorata con smalto a fuoco cloisonnè. La pisside St. Remy combina sapientemente bellezza, qualità e dignità nel disegno. Ogni sua parte è stata realizzata a mano con la tecnica più pura ereditata dagli orefici del Medioevo e combinata con i sistemi di doratura più moderni per assicurare che ognuno dei pezzi renda tributo all’opera originale e diventi un’opera d’arte che aumenterà di valore con il passare del tempo.

La Patena

patena metallo e legno di rosa
Patena da messa in metallo dorato e legno di rosa

La patena è il piatto o la ciotola di metallo usato per coprire il calice e per contenere l’ostia, prima e dopo la consacrazione. Holyart ne offre diverse varianti, molte disponibili con il calice e la pisside coordinati. Vediamo per esempio la patena in metallo argentato e legno di rosa, modello Essentia, semplice ed essenziale, ma di grande eleganza. Il legno di rosa è lavorato in modo particolare, in quanto è molto difficile trovare pezzi di legno di dimensioni tali che permettano di realizzare la patena in un unico prezzo. Vengono quindi tagliati tanti spicchi e successivamente lavorati assieme. La particolare lavorazione di questa patena fa sì che ogni pezzo sia veramente unico. Anche dietro questo arredo c’è lo studio e il lavoro di architetti e progettisti alla costante ricerca di una nobile semplicità e sontuosità al tempo stesso. Completamente diversi i presupposti di base della patena modello Materia della linea “Forma Fluens”, in metallo bicolore, dalle linee solide e morbide allo stesso tempo, o della patena offertoriale gotica Molina in argento massiccio 925, con il suo elegante lavoro in rilievo che raffigura i quattro Evangelisti nelle cappelle del nodo, Cristo e i dodici Apostoli sulla coppa e il motivo del Fiore della Passione scolpito alla base. Quest’ultima patena viene spesso venduta insieme al calice coordinato, eseguito su richiesta speciale del Vaticano come omaggio per Sua Santità Giovanni Paolo II per la commemorazione del suo cinquantesimo anniversario nel sacerdozio.

Calici, pisside e patena in legno di ulivo

Holyart offre anche una vasta scelta di calici, pissidi e patene in legno di ulivo della Terra Santa, caratterizzati da grande bellezza e sobrietà. Il legno d’olivo ha proprietà che rendono ogni pezzo davvero speciale. Infatti le venature del legno cambiano sempre, così come il colore, che può tendere al ‘biondo’ o al ‘rossiccio’. La forma stessa dei vasi sacri in legno d’ulivo può subire piccole variazioni in base alle caratteristiche del legno che si sta lavorando. Questo rende ogni pezzo, pur realizzato in molte copie, realmente unico.

Il catalogo Holyart va dal semplicissimo Calice in legno d’olivo di Terra Santa, fatto a mano dagli artigiani di Betlemme, non è adatto ad uso liturgico perché privo di doratura interna, al più ricercato Calice in legno d’olivo stagionato di Assisi con scritta IHS realizzato interamente a mano da un artigiano umbro, che le splendide venature del legno dell’ulivo stagionato unito alla qualità dei metalli in bagno d’oro della coppa, rendono un autentico capolavoro.

Per quanto riguarda le patene ecco la patena in legno d’olivo di Jerusalemme, fatta a mano dagli artigiani di Betlemme in (Terrasanta), molto semplice e gradevole, disponibile anche con l’interno in ottone dorato.

Per le pissidi, Holyart offre per esempio la bellissima pisside bassa in olivo di Betlemme, realizzata da artigiani palestinesi di Jerusalemme in olivo locale. Le venature della pisside possono differire da pezzo a pezzo, in quanto ogni articolo è unico, e le venature cambiano in base alle caratteristiche del legno che viene lavorato.

Guarda tutti i prodotti nella Galleria!

calice olivo di betlemme
Calice in legno d'olivo della Terra Santa, fatto a mano dagli artigiani di Betlemme. Date le proprietà del Legno d'Olivo, le venature possono essere differenti rispetto all'immagine che vedete a lato; il colore varia, può tendere al 'biondo' o al 'rossiccio'; la forma stessa può subire piccole variazioni in base alle caratteristiche del legno che si sta lavorando. Questo rende ogni pezzo, pur realizzato in molte copie, realmente unico. Questo calice non è adatto ad uso liturgico perché privo di doratura interna.
Acquista su Holyart
calice in olivo stagionato assisi
Calice in legno d'olivo stagionato di Assisi con scritta IHS realizzato interamente a mano da un artigiano umbro. Le splendide venature del legno dell'ulivo stagionato unito alla qualità dei metalli in bagno d'oro della coppa, rendono questo calice un autentico capolavoro.
Acquista su Holyart
patena in olivo di jerusalemme
patena in olivo jerusalemme
Patena in legno d'olivo di Jerusalemme, fatta a mano dagli artigiani di Betlemme in (Terrasanta), molto semplice e gradevole.
Acquista su Holyart
pisside in ulivo betlemme
pisside in ulivo di betlemme
Pisside bassa in olivo di Betlemme, della Terrasanta. Pisside realizzata da artigiani palestinesi di Jerusalemme in olivo locale. Le venature della pisside in foto possono differire in quanto ogni articolo è un pezzo unico, e le venature cambiano in base alle caratteristiche del legno che viene lavorato.
Acquista su Holyart