La Prima Comunione: principi e principesse per un giorno, ma…

La Prima Comunione: principi e principesse per un giorno, ma…

Maggio è il mese delle comunioni.

La Prima Comunione è uno dei sacramenti più importanti e preziosi, nella vita di un giovane cristiano. Celebra il momento in cui, per la prima volta, lui o lei potranno accostarsi alla Santa Eucarestia, partecipare a tutti gli effetti alla Messa, ricevendo dal Sacerdote il Corpo di Nostro Signore Gesù. Un evento davvero unico e irripetibile non solo per il giovane fedele, che ad esso si è preparato con un lungo percorso di catechesi, nei due anni precedenti, ma anche per la sua famiglia, che, come vuole la tradizione, lo rende anche un’occasione di festa.

Ma vogliamo soffermarci un momento su che cosa rappresentino al giorno d’oggi i festeggiamenti per la Prima Comunione.

È vero che rendere il giorno della Prima Comunione una festa a tutti gli effetti, e come tale celebrarlo con un grande pranzo, a cui verranno invitati parenti, amici, con regali, con un abito speciale per il giovane festeggiato, sono tutti modi per sottolinearne l’importanza e il valore. Tuttavia, non bisogna fare in modo che tutti questi elementi esterni si trasformino nel vero nucleo della giornata, nel centro della celebrazione, facendo passare in secondo piano il vero significato dottrinale e spirituale del sacramento in sé.

Troppo spesso accade che la Prima Comunione degeneri in un evento solo sociale, un’occasione per le famiglie dei bambini che vi partecipano di fare sfoggio di bei vestiti e banchetti costosi, spesso affrontando anche spese molto ingenti, ma perdendo di vista ciò che veramente conta.

Viene data troppa enfasi agli aspetti esteriori di questo evento così prezioso, e, così facendo, in qualche modo, se ne tradisce il senso spirituale più profondo e autentico.

La prima comunione di un bambino

È un discorso delicato, perché è anche vero che è giusto rendere il giorno della Prima Comunione una grande festa per il bambino che si accosta per la prima volta all’Eucarestia e per coloro che lo amano, ma, nello stesso tempo, si rischia di esagerare.

Alcune parrocchie tentano di ovviare almeno al problema dell’abito offrendo in affitto ai ragazzi delle tuniche bianche, molto semplici, bianche, e imponendo loro di usarle durante la cerimonia. La tunica bianca esprime da sola tutta la semplicità e la purezza che ci si aspetta da questi nuovi, giovani cristiani, invitati per la prima volta a ricevere l’Eucarestia. Perché davvero suscita stupore scoprire a quali esagerazioni sono arrivati gli abiti da cerimonia proposti ai bambini e soprattutto alle bambine per questa grande occasione. Basta digitare ‘abito da comunione’ su un qualsiasi motore di ricerca per avere un colpo d’occhio sconcertante. Pizzi, fronzoli, lunghi strascichi, più adatti a una principessa Disney che a qualcuno che è giunto alla fine di un percorso spirituale e umano profondo e significativo!

Ma c’è di più, e riguarda sempre in particolar modo le bambine. Molto, troppo spesso, in occasione della Prima Comunione, esse vengono pettinate e truccate in un modo che definire fuori luogo è un eufemismo. È vero, viviamo in un’epoca in cui l’apparenza è assunta a stato sociale, in cui fin da giovanissimi si è costantemente bombardati da input che impongono precisi canoni estetici, senza i quali è impossibile essere riconosciuti dai propri coetanei, apprezzati, diventare popolari. La maggior parte di questi input vengono dai media, dal mondo dello spettacolo, e non tengono minimamente conto del fatto che, a ricevere questi segnali, sono spesso persone terribilmente giovani, più esposte e malleabili, la cui percezione di sé e del proprio aspetto verrà irrimediabilmente influenzata da questi modelli artefatti e irraggiungibili. O sono le mamme a voler a tutti i costi trasformare le loro figlie in piccole adulte imbellettate, un po’per vanità, un po’per esigenza di ostentare il proprio essere alla moda.

Il risultato non cambia.

In un giorno in cui tutto dovrebbe parlare di innocenza e purezza, di candore spirituale e di una nuova, fresca presa di coscienza del proprio essere cristiani, la maggior parte dei bambini e delle bambine appaiono come dei piccoli modelli usciti da una rivista di glamour, o da un film a cartoni animati, appunto, o ancora peggio come piccoli sposi in miniatura.

Al di là del messaggio assolutamente sbagliato, ciò che si evince da questo scenario è una profonda incomprensione, soprattutto da parte delle famiglie, del valore del sacramento che ci si accinge a celebrare. E se certi valori non vengono recepiti dagli adulti, come si può pretendere che i bambini li facciano propri?

Abiti Holyart: bellissimi, ma soprattutto adatti per la Prima Comunione

https://www.holyart.it/it/occasioni-speciali/prima-comunione/abiti-prima-comunione
Oltre 90 modelli di tuniche per la Prima Comunione – Solo su Holyart

Esistono delle valide alternative a pizzi, fiocchi, scollature, abiti firmati (e costosissimi…).

Anche se non si vuole ricorrere alle sopracitate tuniche in affitto, che comunque non tutte le parrocchie offrono, ci sono abiti per la Prima Comunione belli, ben confezionati, e soprattutto adeguati alla cerimonia che deve avere luogo. Nel catalogo Holyart ce ne sono di diverso tipo, con un gamma di possibilità e combinazioni adatte per ogni bambino e ogni esigenza. Sono disponibili in varie taglie facilmente individuabili tramite le indicazioni specifiche in cm.

Si va dalle tuniche unisex, adatte tanto ai maschi quanto alle femmine, non dissimili da quelle usate dai chierichetti che affiancano il sacerdote durante la messa, a modelli studiati in modo più specifico per ragazzi e ragazze. In generale si tratta di abiti per la Prima Comunione prodotti interamente in Italia da laboratori artigianali, alcuni molto semplici e lineari, altri con piegoni (pieghe ampie poste solitamente sul lato posteriore della tonaca talare) che ne aumentano la vestibilità, accompagnando meglio la figura, e con bordi d’oro, o ricamati.

I tessuti variano dal cotone al poliestere, il colore è quasi sempre il bianco, in tutte le sue gradazioni, che vanno dall’avorio al bianco ghiaccio. I ricami offrono una vasta gamma di varianti, dai semplici bordi dorati che ornano l’orlo della veste e delle maniche, a ricami più complessi, a forma di croce, per esempio, che occupano tutto il petto. Alcuni dei nostri abiti per la Prima Comunione sono anche arricchiti da un scapolare, la striscia di stoffa con apertura per la testa, pendente sul petto e sul dorso, che gli appartenenti ad alcuni ordini religiosi indossano sopra la veste sacerdotale, bordato d’oro o ornato da ricami. Altri presentano elementi decorativi ulteriori, come questo modello, arricchito da uno stolone sul quale è ricamata una croce a nido d’ape. Altri ancora hanno i bordi impreziositi da galloni, passamanerie a forma di nastro schiacciato composte da fili di seta fili intrecciati, solitamente dorate o rossi.

Un’interessante variante può essere la tarcisiana, una veste bianca simile al camice, ma decorata con due strisce rosse verticali che scendono dalle spalle. Il nome deriva da San Tarcisio, patrono dei chierichetti.

La semplicità di questi abiti non preclude la possibilità di renderli ancora più belli con una serie di accessori studiati appositamente per essi, per completarne l’effetto. Parliamo sempre di elementi legati alla solennità che ci si accinge a celebrare: crocette, cerchietti per i capelli, coroncine di fiori di stoffa, e cingoli, le cinture sacerdotali con cui stringere in vita la veste.

Completerà l’abbigliamento una bella croce della Prima Comunione, magari in legno l’ulivo, semplice, adatta a ragazzi di quell’età. Perché non c’è niente di più bello dell’innocenza per celebrare un giorno così speciale.

Di seguito vi presentiamo i prodotti descritti, disponibili sul nostro sito!

saio prima comunione bianco scapolare gallone ricamo croce
Saio per Prima Comunione bianco con scapolare, gallone e ricamo di croce bicolore. Questo abito per la prima comunione è realizzato interamente in Italia, con materiali esclusivamente di origine italiana. Questa tunichetta bianca, in poliestere 100% è disponibile in varie taglie.
Acquista su Holyart
abito per prima comunione
Abito per Prima Comunione 2 bordi. Tunica per la Prima Comunione ricamata prodotta interamente in Italia da un laboratorio artigianale con un'esperienza consolidata negli anni, garantendoti un prodotti di qualità, tradizione e bellezza. L'abito è disponibile in diverse taglie.
Acquista su Holyart
tarcisiana prima comunione bianca poliestere bordi rossi
Tarcisiana per Prima Comunione. Elegante tunichetta realizzata da una sartoria italiana. La tunichetta bianca, con bordi rossi, è in tessuto poliestere e Made in Italy. L'abito è disponibile in varie taglie standard in base alla misura dell’altezza della tunica (dalla spalla ai piedi).
Acquista su Holyart
cerchietto floreale per abito della prima comunione
Cerchietto rivestito in stoffa, elegante e di colore bianco, prodotto da un laboratorio artigianale italiano.
Acquista su Holyart
prima comunione coroncina floreale
Coroncina floreale bianca, da bambina, adatta da abbinare gli abiti e tunichette per il Sacramento della prima comunione. Coroncina rivestita in tessuto, Made in Italy.
Acquista su Holyart
prima comunione cingolo con nodo
Cingolo con nodo per la Tunica della Prima Comunione. Il cingolo è realizzato interamente in Italia, al 100% in seta.
Acquista su Holyart